La meta

“Camminare, mettere un piede dopo l’altro, banalmente, e dirigersi verso una meta: però questo Cammino mi porta verso il mio proprio centro, si spinge all’interno, verso l’anima, il cuore. Lì non c’è mappa che valga, non c’è guida che conosca la strada e mi indichi dove si trova il rifugio, la fonte d’acqua, il cibo. Lo devo trovare da sola. Magari non sarà un viaggio piacevole, o facile. Ma adesso, per me, è irrinunciabile, anche se non ho ancora capito perché.”

(Fotografia e testo di Elisabetta Orlandi  – Tutti i diritti riservati)

da Unmilioneottocentomila passi. Io, il mio bambino e il Cammino di Santiago, E. Orlandi, Edizioni Paoline, 2012

Annunci

Informazioni su Elisabetta Orlandi

Leggo, scrivo, racconto, traduco.
Questa voce è stata pubblicata in Home, il Cammino di Santiago e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...