Leggerezza, per un pomeriggio di nubi

Non voglio altro, con me,
che il canto senza peso degli uccelli,
il loro volo
preciso
e pure vago,
il loro tener testa al cielo.

Niente, che non sappia volare.
Né parole, né musica, né volti.

Nulla, se non rapido e leggero,
che con un balzo
mi regali all’Eterno.

(testo e fotografia di Elisabetta Orlandi – Tutti i diritti riservati)

Annunci

Informazioni su Elisabetta Orlandi

Leggo, scrivo, racconto, traduco.
Questa voce è stata pubblicata in Home, Poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...